La Curcuma … attenzione se consumata con il pepe!

  Pubblicato il   Da   1 comment

Spezie:

la Curcuma

chiamata anche zafferano delle Indie,  è un tubero, che fa parte della famiglia delle Zinziberacee. La più usata è notoriamente la Curcuma Longa, è una spezia  ricca di potassio e vit.C, ma è nella curcumina (principio attivo) che ha il suo potenziale curativo, è una sostanza antinvecchiamento ed antinfiammatoria.
La Curcuma  è antidolorifica, antibiotica,  è uno dei rimedi naturali più potenti in circolazione contro i dolori articolari (artosi-artriti, tendiniti), fluidifica il sangue (attenzione a chi fa uso di anticoagulanti), buona anche in caso di ipertensione, abbassa il colesterolo cattivo (LDL) e aumenta il colesterolo buono (HDL).
E’ benefica a livello intestinale ( anche in caso di meteorismo), favorisce la digestione, ed riduce la gastrite stimolando la produzione di enzimi pancreatici. Aiuta a prevenire infiammazioni a carico di fegato e cistifellea, però in presenza di calcoli biliari le persone che ne soffrono devono astenersi dal suo consumo.
Ottime qualità antiossidanti, è in grado di rallentare l’invecchiamento cellulare. Efficace in caso di influenza, con il miele è un ottimo rimedio contro il raffreddore. Applicare rizomi di Curcuma su ferite, scottature, punture d’insetto e dermatiti, da sollievo e velocizza il processo di guarigione. Da ricerche scientifiche, sembra che la Curcuma ha un’azione preventiva in alcuni tipi di tumori, e che aumenta l’efficacia della chemioterapia nella lotta a questi tumori. Consumata insieme ad un  pizzico di pepe si ha la possibilità di aumentare  il suo assorbimento, in caso di cura con farmaci però la piperina (alcaloide del pepe), può ridurre l’eliminazione dal corpo di alcune sostanze farmacologiche.

In DTC (e MTC): Curcuma longa (jiang huang)

Natura-tiepida; sapore-piccante,amaro; tropismo organi-stomaco, milza-pancreas e fegato. Muove  in modo specifico il sangue e ne tratta la stasi, muove il Qi e lo diffonde in basso, disperde il vento-umidità,.disostruisce i canali favorendo la circolazione. Indicato in casi di amenorrea e dismenorrea da stasi di sangue di Qi; dolori epigastrici, addominali e toracici dovuti a stasi, artralgie in genere e in particolare a dolori alla spalla, dolori da trauma e contusioni.

Per sapere di più sul significato di loggia, natura , sapore e Qi e Jing degli alimenti: www.arcobalenoincucina.it (alimentazione bioenergetica).

Buona salute a tutti.

Marco Mazzini Naturopata

 

ATTENZIONE N.B.:

Questa non è una testata medica, le informazioni fornite da questo sito hanno scopo puramente informativo e sono di natura generale; esse non possono sostituire in alcun modo le prescrizioni di un medico o di altri operatori sanitari abilitati a norma di legge. Le nozioni sulle posologie, le procedure mediche e le descrizione dei prodotti presenti in questo sito hanno un fine illustrativo e non consentono di acquisire la necessaria esperienza e manualità per la loro pratica o il loro uso. Se ti sono state prescritte delle cure mediche ti invito a non interromperle né modificarle, perché tutti i suggerimenti che trovi qui e su www.arcobalenoincucina.it  devono essere sempre e comunque confrontati con il parere del tuo medico curante.

Categorie: Erbe e PianteTags:

Autore: Marco Mazzini

1 comment

  1. paola ha detto:

    Grazie per questo articolo interessante!

Commenti

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *